BMA - Bologna Musica d’Autore. La serata finale il 18 ottobre al Teatro Duse

12 Ottobre 2019

Giunge alla conclusione la terza edizione di BMA – Bologna Musica d’Autore, organizzato da Fonoprint Studios, che porta la nuova musica italiana a Bologna grazie ad una serie di eventi organizzati a partire da giugno e che si concludono con lo showcase finale in programma il 18 ottobre al Teatro Duse di Bologna. Attraverso un contest, al quale hanno risposto oltre 150 giovani artisti da tutta Italia, sono stati selezionati otto finalisti che, dopo essersi già presentati al pubblico in spazi importanti per la musica dal vivo in città – come le Serre dei Giardini Margherita (18 giugno) e il Covo (20 settembre e 4 ottobre) –  nello showcase finale avranno la possibilità di esibirsi in uno dei palchi più importanti di Bologna, il Teatro Duse, luogo straordinario, fortemente radicato nella cultura della città. Nella rosa degli otto finalisti ci sono: Cardo, all’anagrafe Mirko Di Fonso, i cui singoli finiscono spesso nelle classifiche di Spotify, con il brano “Dammi da bere”Il Numero Diciotto, Giovanni Narducci, che spazia tra indie-pop e ambiente techno e al BMA porta il brano “7 ottobre”Miglio, progetto musicale di Alessia Zappamiglio, cantautrice di Brescia, che ha già firmato il suo primo contratto con l’etichetta torinese INRI e arriva con il brano “Il bar sui binari”Nebbiolo, che ama viaggiare e vivere di canzoni, approda al Duse con “Più ci penso”Neno, Stefano Farinetti, classe ’98 è un giovanissimo cantautore di musica pop/indie italiana e per l’occasione presenta “Inadeguato”Nibirv, aka Sofia Buconi, che ha partecipato alla realizzazione dell’album “Dinamismi plastici” con Roberto Freak Antoni e con lui ha condiviso numerosi palchi in giro per l’Italia, arriva con “Nuvole nere”Sid – Francesco Zamparelli – già vincitore di Freschissimo, il contest di Tutto Molto Bello dedicato ai giovani talenti della regione Emilia-Romagna presenta “Identikit”Vergine con “Contemporaneamente” propone una fusione di sound trip-hop ed electro-indie. Gli artisti finalisti saranno ascoltati da una giuria presieduta da Mogol, della quale fanno parte anche Sergio Cerruti (Presidente AFI), Alessandro Ceccarelli (BPM Concerti), Matteo Romagnoli (Garrincha Dischi), Parix Hilton (artista e produttore). Il vincitore assoluto avrà diritto a 10 giornate di registrazione, mix e mastering presso gli studi Fonoprint con fonico resident; premi anche al miglior testo – cui spetta una borsa di studio completa per un percorso formativo al CET – Centro Europeo di Toscolano – e alla migliore performance live che si aggiudicherà la registrazione e pubblicazione di una puntata di “Fonoprint Live Session”. La serata del 18 ottobre sarà anche l’occasione per un’immersione nella musica d’autore italiana, con la presenza sul palco di due giovani molto amati dalle ultime generazioni, AINÉ e Viito, e da Luca Carboni, tra i più amati rappresentanti della musica d’autore bolognese, che torna al BMA dopo essere stato ospite della prima edizione del 2017. Partner di BMA 2019 sono il Comune di Bologna, la Regione Emilia-Romagna, Bologna UNESCO City of Music, Bologna Welcome, AFI, SIAE, FIMI, Nuovo IMAIE, PMI.   Informazioni BMA Bologna Musica d’Autore 051.585254 – info@bolognamusicadautore.it – www.bolognamusicadautore.it