Nova, dove tutto ha inizio!

20 Maggio 2021

Nasce nell’estate del 2021 NOVA Bologna, un’esperienza creata dalla necessità di condividere percorsi, competenze, risorse e idee per la ripartenza della musica dal vivo durante la pandemia. Il progetto nasce dallo spirito d’aggregazione e condivisione di cinque realtà del territorio: Covo Club, DumBO, Estragon Club, roBOt Festival e TPO.

In astronomia, una nova è un’enorme esplosione sulla superficie di una stella che la fa diventare molto più luminosa del solito. Per i live club e festival coinvolti, NOVA è l’inizio di un percorso, un esperimento, una modalità per cercare nuove idee, una diversa mentalità di progettare spettacoli, che mancano da oltre un anno. Un percorso che non sarebbe probabilmente stato inimmaginabile prima della pandemia, ma che guarda oltre essa, intercettando nuove sinergie a partire dal territorio bolognese.

NOVA Bologna si svolgerà in un’arena da 1.000 posti costruita per l’occasione negli spazi di DumBO (Via Casarini, 19) – nel rispetto del distanziamento e dei protocolli sanitari dettati dal Covid-19 – e ospiterà, dal 22 giugno al 18 luglio, un cartellone di concerti di artisti nazionali e internazionali.

Si parte il 22 giugno con il concerto de Lo Stato Sociale: la band bolognese – che in questo 2021 ha ribadito l’importanza dell’agire collettivo nel proprio percorso artistico, nella seconda partecipazione a Sanremo con “Combat Pop” e con la pubblicazione di 5 album, uno per ogni membro della band – tiene a battesimo nella sua città la nascita di questo esperimento attorno alla ripartenza della musica dal vivo.

A seguire gli show di due donne che per motivi diversi danno voce a precise tematiche politiche di liberazione con al centro i generi e le oppressioni: Fatoumata Diawara (29 giugno) e M¥SS KETA (30 giugno).
La chitarrista maliana nelle sue canzoni ha affrontato temi come il dramma dei migranti, le lotte delle donne africane, la vita sotto il dominio dei fondamentalisti religiosi e la pratica della circoncisione femminile.
La performer con gli occhiali da sole e la maschera, invece, da sempre gioca con la sua immagine sensuale e trasgressiva, mescolando generi musicali e visuali, in un percorso artistico di critica culturale, sociale e costruendo l’immagine di un forte “empowerment” femminile.

I due ospiti internazionali hanno un forte background indipendente: il fenomeno australiano del beatbox, Dub FX, si esibirà il 3 luglio, in uno show che lo riporta alle origini del suono costruito in anni di street show, affiancato dal suo storico sassofonista Mr Woodnote. Mentre il 15 luglio sarà lo storico collettivo londinese-asiatico Asian Dub Foundation a calcare il palco per uno show unico nel suo genere: creando dal vivo la colonna sonora del cult-movie “La Haine” (L’Odio) di Mathieu Kassovitz, film che ha segnato l’immaginario visivo di una generazione.

Il programma dei concerti spazia tra le esperienze italiane più interessanti del momento, alcuni freschi di novità discografiche come i veterani The Zen Circus (13 luglio) che suoneranno per la prima volta dal vivo il loro album “L’ultima casa accogliente” uscito alla fine del 2020. I Ministri (4 luglio), freschi anche loro di novità discografica, presenteranno un repertorio inedito in acustico, mentre i Tre Allegri Ragazzi Morti (16 luglio) saranno impegnati in uno show per celebrare la musica.

A chiudere il cartellone, il duo rivelazione di questo 2021 COLAPESCEDIMARTINO (18 luglio) che con la loro “Musica leggerissima”, dal palco di Sanremo hanno lanciato un messaggio di speranza per tutto il settore della musica e non solo.

L’identità visiva di NOVA Bologna è stata realizzata da Davide Bart Salvemini, artista, fumettista e illustratore residente a Bologna, che ha creato per l’occasione sei storie a fumetti e la locandina del progetto, nell’ottica di una maggiore interazione tra linguaggi artistici che possano raccontare il contemporaneo da diversi punti di vista.

NOVA Bologna si inserisce nella cornice di Bolognaestate2021.

EmailSito WebFacebookInstagram